Skip to main content
punizioni bdsm

Bdsm, fetish e strapon: consigli, tecniche e ruoli

Il bdsm è un tipo di sesso che implica il ruolo di dominante e di sottomissione. Tra gli elementi caratteristici del bdsm ci sono il legame, la disciplina, il dominio e la sottomissione. Il sesso bssm ha un’enorme base di fan, ma allo stesso tempo provoca tante polemiche a causa dell’uso della violenza. Cosa vale la pena sapere sul bdsm?

Cos’è il bdsm?

Bdsm sta per le prime lettere di quattro parole inglesi: bondage, discipline, domination e subbission. Si tratta di un tipo di rapporto sessuale in cui una persona svolge il ruolo dominante e l’altra svolge il ruolo di sottomissione. Solitamente, negli incontri bdsm i ruoli sono assegnati in modo permanente ai partner, altre volte possono essere modificati dopo trattative congiunte. La coercizione e le tecniche disciplinari vengono utilizzate durante il sesso bdsm, ma il rapporto non è da considerarsi stupro. Solitamente il rapporto è incentrato nella:

  • schiavitù: una persona è legata, il che aumenta il senso di potere del partner;
  • disciplina: la disciplina viene applicata a una persona sottomessa, la disobbedienza è punita;
  • dominazione: una persona decide sul corso della riunione e impartisce ordini;
  • sottomissione: la sottomissione caratterizza la persona che ha acconsentito all’umiliazione e alla coercizione.

Bdsm e l’uso dello strapon

Lo strapon può essere utilizzato nel sesso vaginale, nel sesso anale, nel sesso orale e nel pegging; una pratica in cui una donna penetra l’ano di un uomo con un membro artificiale o un dildo. Poiché il dildo non fa parte del corpo ed è talvolta difficile controllarne i movimenti, è molto importante adattare correttamente questo dispositivo alla nostra forma e dimensione.

Regola numero uno: come scegliere il gadget sessuale

È bene ricordare lo strapon è un’estensione del tuo corpo e trattandosi di gadget indicato per il divertimento di coppia, sarebbe bene che fosse scelta insieme al partner. Pensa a quale stile, colori e possibilità tecniche ti si addicono e decidi insieme quale imbracatura ti accompagnerà.

Ci sono molte varianti stilistiche e di colore del dildo sul mercato. Dal momento che è un gadget abbastanza audace che attira sicuramente la tua attenzione, è importante che a entrambi piaccia il suo aspetto così da evitare un’esperienza scoraggiante. Quindi, se ti piace il fetish, scegli un’imbracatura lucida con borchie aggiuntive. Tuttavia, se questa non è nelle tue corda, troverai sicuramente qualcosa di più semplice e delicato.

Quale materiale scegliere?

In questo caso non si tratta solo di una questione pratica ma anche etica. Devi decidere se preferisci un cinturino in pelle naturale o qualcosa di vegano: similpelle, lattice o vinile. È importante che il materiale sia delicato e, se possibile, non lasci irritazioni sulla pelle.

Imbracatura traforata o pantaloncini interi?

Se stai iniziando la tua avventura con lo strapon, è probabilmente difficile per te immaginare quale tipo di imbracatura sarà appropriato. Le imbracature traforate sono costituite da una rete di cinghie che devono essere adeguatamente fissate sul corpo. Il loro vantaggio è che molto spesso ti consentono di sostituire gli anelli in cui è attaccato il dildo, il che a sua volta ti consente di scegliere meglio il diametro appropriato. Inoltre, rivelano le parti intime della persona penetrante. D’altra parte, i pantaloncini interi sono più facili da usare, perché devono solo essere indossati senza bisogno di allacciare fibbie, e il dildo al loro interno si comporta in modo più stabile, ma raramente hanno un anello regolabile e un cavallo aperto. Esistono anche varianti intermedie che ricordano i tanga con il cavallo aperto.

Prima di andare in battaglia, fai un po’ di allenamento

Uno strapon dotato di un apposito dildo è un ottimo accessorio erotico, ma pur sempre un “corpo estraneo” e un gadget che interferisce con l’intimità. Quindi prima di iniziare a usarlo in coppia, prova ad abituarti un po’ e, soprattutto, impara a usarlo. Lascia che il tuo partner lo indossi in situazioni non erotiche – durante le normali attività, sotto la doccia, durante il sonno. Grazie a ciò, lo strapon cesserà di essere un corpo così estraneo. Per introdurlo nella terra dell’erotismo e suscitare associazioni sessuali, puoi usare un’imbracatura con un dildo durante la masturbazione.

Ma l’elemento più importante della preparazione sarà l’allenamento a secco. Il partner allaccia lo strapon e quindi imita la penetrazione, ad esempio tra i cuscini, verifica gli angoli di inclinazione, il livello di controllo sul gadget. Non abituata a eseguire questo tipo di movimento di attrito durante tali esercizi, acquisirà una certa esperienza in essi.

Fetish: chi sono i feticisti?

Probabilmente ognuno di noi ha delle preferenze che rendono il riavvicinamento ancora più piacevole. Molte persone chiamano queste preferenze feticci. Un feticcio, infatti, non è uno stimolo sessuale, ma una condizione per l’appagamento sessuale. Un feticista è una persona con orientamenti sessuali insoliti. Una persona con tali inclinazioni può, ad esempio, essere affascinata dai piedi delle donne, ma questa non è una regola. Il feticista ha altre fascinazioni ed elementi di adorazione che lo stimoleranno ulteriormente sessualmente. Il problema sorge quando un determinato feticcio condiziona l’orgasmo o non dà piacere al partner. In determinate circostanze, il feticcio di una persona può ferirne un altro e tale comportamento dovrebbe essere trattato.

Cos’è un feticcio?

La parola fetish si riferisce alla parola francese fétiche e alla parola portoghese feitiço, che significa amuleto o incantesimi. Molti specialisti suggeriscono che la parola fetish sia correlata alla parola facere, che significa creare qualcosa. Gli scienziati definiscono un feticcio un oggetto, un elemento di una situazione o di un ambiente necessario per ottenere la piena soddisfazione sessuale in un feticista. Il feticcio non è uno stimolo sessuale, ma la sua assenza può provocare sensazioni sessuali non proprio intense, a volte mancanza di eccitazione o addirittura impotenza.

Si può parlare di feticcio come di un disturbo quando la mancanza di uno stimolo specifico non permette di godere del sesso e dell’intimità, cioè oscura tutta la gioia del rapporto e diventa un’ossessione, ad esempio quando un uomo prova eccitazione solo quando il suo partner è addosso calze autoreggenti.

In molti casi, un uomo può essere eccitato dal semplice fatto che una donna indossa le calze. Questa eccitazione è causata da un elemento di abbigliamento, non dall’aspetto di una donna. Un altro problema è quando il feticcio è molto eccitante in una persona e disgustoso nell’altra.

Cos’è il feticismo?

Il feticismo è una parafilia, un disturbo sessuale. Potrebbe essere un’entità patologica. Il feticismo è incluso nel gruppo dei disturbi sessuali come esibizionismo, pedofilia e sadomasochismo.

Quando si può diagnosticare il feticismo? Secondo l’American Psychological Association, se la fascinazione sessuale per un determinato oggetto, ad esempio i piedi, dura più di sei mesi, si può parlare di feticismo. Si trova quando provoca disagio significativo o interferisce con l’adempimento di ruoli sociali, professionali o familiari e l’eccitazione e la soddisfazione possono verificarsi principalmente durante le esperienze fetish.

Un feticcio può essere una parte del corpo, un capo di abbigliamento (ad es. biancheria intima), nonché gadget erotici come manette o un vibratore. Un feticista ha bisogno di ulteriori stimoli affinché la sua eccitazione sessuale e il suo rapporto sessuale siano soddisfacenti. Affinché il sesso abbia successo, un feticista ha assolutamente bisogno del suo oggetto del desiderio. La sola presenza di un partner non basta.